Doctor Trusted Trusted Seal
 

Misura della conduttanza elettrodermica con MindLAB Set e database Katane

Le misurazioni della conduttanza elettrodermica, eseguite con metodologie e strumentazioni differenti, possono fornire risultati disomogenei e non facilmente comparabili.

Al fine di creare un sistema di riferimento standardizzato per le misure, effettuate mediante MindLAB Set, è stato realizzato, da Tullio Scrimali (2010), un database che ha incluso oltre 1000 soggetti di controllo, esenti da disturbi psichici. Tale database è stato denominato, da Tullio Scrimali, Katane e fa parte integrante della dotazione di MindLAB Set (Scrimali, 2010).

Poiché i  valori dello Skin Conductance Level (SCL), registrati durante la costruzione del database Katane, sono risultati distribuiti secondo una curva gaussiana, il valore medio che è stato individuato, si può considerare  il  valore vero, su cui la funzione di Gauss è centrata.

La probabilità che una misura effettuata, mediante il MindLAB Set, in un soggetto normale (cioè non afflitto da nessun disagio psichico), cada entro una deviazione standard dal valore medio  è del 68%, entro due deviazioni standard, invece, del 95%.

Quindi se misuriamo, in un individuo, lo Skin Conductance Level ed il valore individuato si pone oltre una deviazione standard della media, possiamo dire che quel soggetto esibisce valori da attenzionare, in quanto piuttosto lontani dalla media dei soggetti di controllo, mentre i valori che si pongono oltre due deviazioni standard sono da considerare francamente patologici.

Per la popolazione adulta (età: 25-60 anni) nel database Katane, sono stati individuati i seguenti valori dello Skin Conductance Level:

Media 3.8 +/-3.3  microsiemens

Pertanto, i valori, ottenuti con un MindLAB Set, compresi tra  0.5 e 7.1 microsiemens (entro cioè una deviazione standard dalla media) sono da considerare “normali”

I valori al di sotto 0.5 ed al di sopra di 7.1 microsiemens (oltre una deviazione standard dalla media) sono valori poco frequenti nei normali e vanno attenzionati.

I valori vicini allo zero e quelli al di sopra 10.4 (oltre due deviazioni standard dalla media) sono da considerare francamente anomali e, quindi, indicatori di una disregolazione dell’arousal in senso depressivo (valori di 0,1 o 0,2 ) o in senso ansioso (valori oltre i 10.4).

I valori sotto i 0.3 microsiemens possono essere legati anche alla presenza di una severa disidratazione cutanea che deve essere attenzionata. Eventualmente, si può utilizzare, in questi casi, prima di effettuare le successive misurazioni, una crema idratante.

Riferimento bibliografico:

Scrimali, T. (2010). Neuroscienze e Psicologia Clinica. Dal laboratorio di ricerca al setting con i pazienti. Milano: Franco Angeli.